Andare oltre l’Open Rate: 8 Metriche per un Email Marketing più Efficace

L’open rate è da tempo un indicatore chiave delle prestazioni per i marketer, ma le regolamentazioni in continua evoluzione e le preoccupazioni per la privacy, insieme alla risposta delle piattaforme email a tali regolamentazioni e preoccupazioni, hanno portato a dati di open rate distorti.

Le regolamentazioni dell’email marketing, come il GDPR e il CCPA, hanno modificato il modo in cui vengono calcolati e riportati gli open rate, rendendoli sempre meno affidabili.

Alcuni client di posta elettronica, come Gmail, utilizzano algoritmi di apprendimento automatico per suddividere le email in diverse cartelle (pensa alle cartelle “Primaria,” “Social” e “Promozioni”), il che può influenzare la probabilità che un’email venga aperta.

La funzionalità Apple Mail Privacy Protection mira inoltre a dare agli utenti maggiore controllo sulla privacy delle loro email impedendo ai mittenti di utilizzare pixel invisibili per raccogliere informazioni su quando e come viene aperta un’email.

In breve, una delle metriche di email marketing più popolari ha perso gran parte della sua importanza.

Tutti questi cambiamenti recenti potrebbero sembrare nuove barriere al successo, ma la verità è che fare affidamento esclusivamente sugli open rate è sempre stato un problema. Gli open rate non hanno mai raccontato l’intera storia dietro al successo delle campagne email: il fatto che un’email venga aperta non significa necessariamente che sia stata letta o interagita.

Ciò non significa, tuttavia, che l’open rate non sia stato e non sia ancora una metrica in qualche modo utile; piuttosto, deve essere valutata attraverso la giusta prospettiva. Quando valuti il successo della tua strategia di email marketing, gli open rate sono solo un pezzo del puzzle.

Ulteriori metriche, come il tasso di conversione, il tasso di clickthrough (CTR) e il coinvolgimento complessivo, ti consentono di ottenere insight ancora più preziosi e di costruire una strategia di email marketing veramente efficace.

Ecco 8 suggerimenti per aiutarti a iniziare con metriche più preziose e alla fine potenziare la tua strategia di email marketing.

1. Concentrati sul CTR

Poiché il tracciamento degli open rate è diventato meno affidabile, monitorare i tassi di clickthrough può fornire insight preziosi sull’interazione dei sottoscrittori. Un alto CTR indica che il tuo pubblico è interessato al tuo contenuto ed è più incline ad agire.

2. Personalizza il tuo contenuto

Il contenuto della tua email dovrebbe essere rilevante e prezioso per i tuoi sottoscrittori. Se invii lo stesso tipo di email ogni volta, i tuoi sottoscrittori potrebbero annoiarsi e disinteressarsi. Fortunatamente, una personalizzazione efficace può aiutare le tue email a distinguersi e favorire una connessione con il tuo pubblico. Assicurati di farlo nel modo giusto verificando l’accuratezza delle tue liste di contatti e evitando una personalizzazione eccessiva.

3. Testa elementi di design

Sperimenta con diversi elementi di design per vedere cosa funziona meglio per il tuo pubblico e per evitare che le tue email vengano segnalate come spam. Potresti, ad esempio, testare diversi tipi di hyperlink e call to action (CTA), o addirittura rimuovere elementi di design del tutto.

4. Monitora le conversioni

Monitorare il numero di sottoscrittori che completano un’azione desiderata, come un acquisto o la compilazione di un modulo, dopo aver cliccato sulla tua email è essenziale per valutare l’efficacia complessiva della tua campagna.

5. Analizza la tua lista email

Rivedere regolarmente la tua lista email può aiutarti a identificare tendenze e aree di miglioramento. Ad esempio, cerca modelli come alti tassi di rimbalzo, mancanza di segmentazione e basso coinvolgimento. Notare queste tendenze informerà la tua strategia e ottimizzerà le tue campagne.

6. Monitora la tua reputazione

La tua reputazione nell’invio delle email può influenzare la capacità di recapito e la posizione nella casella di posta. Mantenere pulita la tua lista rimuovendo sottoscrittori inattivi o poco coinvolti e evitando di inviare email troppo frequentemente è fondamentale per garantire che le tue email vengano visualizzate.

7. Diversifica il tuo contenuto e fai test A/B

Prova nuove tattiche, come includere video o elementi interattivi nelle tue email, e analizza i risultati per vedere cosa risuona con il tuo pubblico. Ad esempio, invia una newsletter una settimana e un’email promozionale la settimana successiva. Diversificando e testando il tuo contenuto, puoi aumentare la probabilità che i tuoi sottoscrittori aprano e interagiscano con le tue email.

8. Aggiungi più punti di contatto

Man mano che la tecnologia e le regolamentazioni sulla privacy continuano a evolversi, il monitoraggio delle prestazioni del tuo email marketing diventerà più complicato. Con questo in mente, pianifica in anticipo e diversifica la tua strategia di marketing per fornire più opportunità ai potenziali clienti di interagire con il tuo marchio.

***

Un email marketing di successo richiede una strategia flessibile e adattabile che incorpori molteplici punti di contatto per guidare in modo efficace il successo del tuo marchio.

Mentre continuiamo a navigare nelle complessità dell’email marketing, è essenziale concentrarsi sull’intero quadro, costruire elementi e punti di contatto multipli ed abbracciare l’adattabilità per restare al passo con la concorrenza.

Sebbene gli open rate siano una metrica importante da monitorare, raccontano solo parte della storia. Per misurare veramente il successo delle tue campagne email, devi concentrarti su metriche come il CTR, il tasso di conversione, il guadagno per email e il tasso di crescita dei sottoscrittori.

Tracciando queste metriche e personalizzando le tue email, puoi migliorare l’efficacia delle tue campagne email e aumentare le vendite per la tua azienda.

Giacomo Cioja

Giacomo Cioja

Lascia un commento